mercoledì 20 ottobre 2010

Joe R. Lansdale: Devil Red

Non ancora paghi delle ultime avventure e dell’incontro con la leggendaria killer Vanilla Ride, Hap e Leonard decidono di continuare la loro attività di investigatori privati, anche se vorrebbero poterla svolgere nella legalità, una volta tanto. Il primo caso che affrontano, però, è uno dei più incredibili che sia mai capitato loro, e tra una specie di setta vampirica, una strampalata organizzazione di killer mercenari, Hap è sull’orlo di una crisi di nervi. Ma non c’è tempo per riposare: lui e Leonard sono troppo impegnati nel disperato tentativo di non farsi ammazzare da una serie di personaggi che li hanno presi di mira, tra cui il killer Devil Red, la Dixie mafia e una loro vecchia conoscenza, che potrebbe rivelarsi un prezioso alleato o il peggiore nemico mai affrontato. 



Attenzione: Spoiler!
Nella scala di giudizio di aNobii Devil Red non merita solo tre stellette. Ne merita almeno quattro. Ho abbassato il voto perché Lansdale ha delle potenzialità da cinque stelle fisse, ma ultimamente non si applica. Lo trovo, come dire, svogliato. Fa il suo compitino e lo fa bene, nulla da eccepire. Ma potrebbe fare molto di più e l’ha già dimostrato in passato nelle prime inarrivabili avventure dei nostri due sgangherati investigatori preferiti. Forse ci ha abituato troppo bene.
Purtroppo Lansdale continua a seguire il solito plot narrativo (incarico, indagine, agguato e vendetta finale) che ormai sembra aver tirato un po' troppo la corda ed è diventato primo di mordente. Neppure un Leonard in bilico tra la vita e la morte riesce a scuotere più di tanto (il nostro mica può morire, no?). Sintomatica la crisi esistenziale di Hap che sembra quasi essere la trasposizione di una crisi creativa dello scrittore texano. Se così è, speriamo che passi presto.
O forse pretendo troppo.....


Joe R. Lansdale Devil Red
Editore: Fanucci
Collana: Collezione Vintage
Genere: Thriller/noir
Anno: 2010
Pagine: 288
Prezzo: € 17,00
Isbn: 978-88-347-1651-9
Traduzione: Luca Conti

Nessun commento:

Posta un commento