mercoledì 11 maggio 2011

Callow

Gruppo minimale i Callow di San Francisco. Nella musica e nell'attitudine. Si nota fin dal loro blog: ogni post è solo una foto corredata da un commento stringato. Niente di più. Eppure basta questo a far trasparire la bellezza e l'intimità del loro progetto. Una musica da loro definita come rock, dark indie folk e ambient, ma che risulta essere un blues dai tempi dilatati e liquefatti. I quattro pezzi che compongono l'ep di debutto, scaricabile gratuitamente cliccando sul link in fondo a questo post, sembrano prendere ispirazione dai Low più intimi (l'inizio della struggente Dead To Me è da manuale dello slowcore) per poi distanziarsi e scendere verso una malinconia ancora più cupa e, oserei dire, quasi stregata (Come Alive e Gold). Melodie raffinate e sussurrate (Sel Titled) che fanno subito presa ma che riescono a mantenere vivo l'interesse anche dopo i molti ascolti che sono, forse necessari, per coglierne appieno le sfumature.
Red Moses (voce e chitarra) e Sami Knowles (percussioni, tastiere e voce) sono due artigiani d'altri tempi che hanno scelto di saltar giù da un mondo perduto in una corsa folle. Si sono fermati ad osservarlo e con uno sguardo lucido e disincantato ne accompagnano la caduta.
Il primo album vedrà la luce quest'estate. Se manterrà le promesse dell'ep, sarà uno dei dischi migliori del 2011.
Callow Su Myspace
Callow Su ReverbNation
Callow Su BandCamp





Nessun commento:

Posta un commento