giovedì 6 settembre 2012

Gli Intoccabili. Un Post Invidioso.



Questo non è un post dedicato al celebre fil di Brian De Palma. Questo è un post che parla di alcuni figuri. Anzi, di non pochi figuri che bazzicano la rete credendo di essere intoccabili.
Dopo un mese di vacanza e disintossicazione da tutto ciò che riguarda il web e zone limitrofe, cosa che consiglio caldamente, poiché al ritorno possederete una lucidità mentale rinnovata e pronta a esaltarsi e a godere di fronte a diatribe mediatiche come quella di cui parlerò, mi prendo un pomeriggio per smistare posta, messaggi e quintalate di feed. Dopo tre ore, le cose che non sono finite nel cestino non raggiungono la decina. E questo potrebbe aprire un bel dibattito sulla quantità d’immondizia e roba pressoché inutile che circola in rete. Comunque tra i post non cestinati c’era quest’articolo: Non cederò mai all’ebook

Con un minimo (ma proprio poco) di sale in zucca converrete con me che i due pezzi (specialmente il secondo) sono un crogiolo di superficialità e inesattezze condito da una velata forma di pregiudizio a prescindere.
Personalmente non ho perso un minuto per commentare i due post. Alzata di sopracciglio e giù di cestino.
Qualche giorno dopo tra i feed dei blog che seguo, trovo questo:
Il Fatto Quotidiano aka Censura Quotidiana: piccola cronacadi un commento oscurato (online)
del blog Il Viagra Della Mente (che DOVETE assolutamente seguire).
In questo post l’autore racconta di come abbia commentato garbatamente il post del Fatto e che questi siano stati eliminati perché non graditi. Addirittura il blogger è stato costretto a veder bloccato il proprio indirizzo ip neppure fosse un Troll.

Non entro nel merito della diatriba Ebook o non Ebook, quello che voglio sottolineare è un'altra cosa.
Ci sono dei personaggi che non possono essere criticati. Che non possono essere corretti quando scrivono inesattezze o peggio, stronzate colossali.
E se dici qualcosa che non gli garba, il meglio che ti possa capitare è che t’ignorino. Come minimo sei definito un Troll, oppure ti bannano. Nei casi peggiori ci scappano le minacce di querela.
Sono gli Intoccabili. 
Coloro la cui (santa) immagine non può e non deve assolutamente essere offuscata da un pirla qualsiasi. Specialmente quando il pirla qualsiasi ha ragione.
E come fa un Intoccabile a mantenere illibata la sua (sacra) immagine?
Cancella i commenti a lui sgraditi! E il fatto che non li gradisca non implica che siano volgari. E’ solo che rischiano di offuscare la sua web immagine costruita con tanta fatica (?) e con il duro lavoro a colpi di perle di cyber-saggezza. Ormai è diventata una pratica consolidata e molto diffusa. Sembra che la rete amplifichi a dismisura l’ego, già abnormemente sviluppato di suo, di questi personaggi che ritengono le proprie parole una fonte incontestabile di verità, legge e vita. Guai a dubitare, guai a criticare, guai a correggere.
Altrimenti si sguinzaglia un’orda di fan(atici) che subissano il povero pirla d’insulti o minacce finché egli non cede per sfinimento (o paura). Il topos di questi scambi è l’ormai mitico: parli così perché sei INVIDIOSO.
 
La mancanza di umiltà in rete sta raggiungendo valori prossimi alla cronicità e sta toccando le vette del grottesco. Tranne alcuni (pochi) casi di persone aperte al dialogo, a volte anche aspro, che incredibilmente, quando scrivono una cazzata addirittura lo ammettono (vere e rare mosche bianche), il resto del web sembra essere popolato da uno sciame di egocentrici all’ultimo stadio. E’ indubbio che esista anche il tipo pronto a criticare tutto e tutti, quello che cerca il peletto nell’uovo solo per dimostrare che lui ne sa sempre e comunque più del mondo intero, generando scontri fra ego di proporzioni titaniche. Nulla di nuovo, direte voi. Quindi converrete con me che se nel web ci si espone bisogna anche accettare le sassate ed eventualmente rispondere. Possibilmente argomentando coerentemente e non trincerandosi dietro i soliti “dici così perché sei invidioso” o “potrai aprir bocca solo dopo aver pubblicato qualcosa”. 
Troppo comodo postare bei pistolotti e voler raccogliere solo gli allori. Non trovate?

Nessun commento:

Posta un commento