giovedì 28 agosto 2014

Riempire Di Mazzate (i dischi di) Justin Bieber.

Uh! Eh? Chi? Perchè?
Il clima sembra essere impazzito, ma anche l'umanità ha qualche problema.

Perché quando leggi di gente che distrugge i dischi di un cantante, per quanto odioso e inutile possa essere, o quando uno cui il cervello dev'essere uscito a comprar le sigarette e non è mai più tornato, si alza una mattina e decide d'aprire una petizione per far sciogliere un gruppo perché non gli piace, scatenando le funeste ira dei fans che, a loro volta, aprono una contro petizione per fermare la petizione (!), capisci che l'uomo ha terminato la sua evoluzione già da un pezzo. Anzi sembra che stia iniziando a involversi. E di brutto.
In breve, i fatti sono questi: 
-- Una squadra di baseball organizza una distruzione a colpi di mazza di dischi di Justin Bieber(on) e Miley Guarda Come Twerko Cyrus. Allo spettatore che avesse portato del materiale da immolare alla causa  il biglietto sarebbe costato solo un dollaro e al termine del match avrebbe potuto assistere a un po' di sana demolizione.
-- Il gruppo (pop) metal dei Ghost è preso di mira da un tizio che, decretando la loro musica come offensiva nei confronti dell'unico, vero e sacro metallo, apre una petizione per farli sciogliere. Al momento si contano un migliaio di adesioni.
-- Inorriditi dal tale comportamento, i fans del gruppo svedese passano al contrattacco aprendo a loro volta una petizione per fermare la petizione! Anche qui un migliaio di adepti aderisce con entusiasmo.

Oltre i brividi generati dai fantasmi evocati da gesti esecrabili come quello del rogo o distruzione di un disco o di un libro, ciò che mi colpisce è come la gente continui a essere sempre più ottusa e intollerante.
Intollerante, perché sempre più sovente ciò che non piace non ha diritto di essere. Justin Bieber mi fa venire acidità di stomaco solo a vederlo in foto? Allora perculo alla grande lui e i suoi fans e non perdo occasione di attaccarli ferocemente come colto da un sacro fuoco. E m'imbarco in una crociata per difendere la Musica, quella con la M maiuscola, chiamando a raccolta altri sodali pronti a immolarsi nella santa missione.
Ottusa, perché se usasse quei pochi neuroni rimasti, potrebbe anche capire che, il più delle volte, chi organizza queste pagliacciate (una squadra di Baseball i Charleston RiverDogs, in questo caso) è solo in cerca di un po' di notorietà. Sono azioni utili sia a chi le organizza sia alla vittima designata, poiché si stratta sempre di pubblicità gratuita. Bisogna sempre ricordare che l'unica notizia negativa è quando non ci sono notizie (No News = Bad News), soprattutto nel mondo dello spettacolo.
Qui si sta parlando di un prodotto come un altro. I dischi sono come la pizza surgelata. Se non mi piace non la compro. Mica scendo per strada a distruggere tutti i cartoni di pizza che trovo o a raccogliere firme per abolirla!
Se nel caso di Bieber & Cyrus si tratta di una (discutibile) forma di autopromozione, per quanto riguarda i
Figliuolo, sei proprio sicuro di voler prendertela con noi?
Ghost, purtroppo la cosa sembra essere più seria anche se mooolto ridicola. Ed io che pensavo si trattasse di uno scherzo.
Eppure... Sembra proprio che tanta gente ci creda.
Perché alla fine, qualcuno riesce sempre a prevaricare il lato commerciale o goliardico e a prendere queste cose dannatamente sul serio. Basta leggere i commenti sui vari Social Network o in calce alle notizie riportate, per farsi una triste idea di come la gente possa essere dannatamente stupida.
Fortunatamente qualcuno con i neuroni funzionanti si trova ancora. Come quell'anonimo che ha postato un laconico commento che, pur rischiando d'essere soffocato dalla bolgia di commenti pronti a difendere una o l'altra posizione, ha lasciato qualche speranza in chi crede che, forse, una (piccola) parte di umanità riuscirà a salvarsi.
Il commento era questo: se la gente passasse più tempo su YouPorn invece che perdere tempo dietro a queste cazzate vivremmo tutti sicuramente meglio.

Nessun commento:

Posta un commento