giovedì 19 novembre 2015

Agitato, non mescolato: gli anni 10.

Nel 2012, esattamente cinquant'anni dopo l'uscita del primo film, quel Agente 007 - Licenza Di Uccidere (Dr. No) che ha introdotto la figura di 007 nell'immaginario collettivo, facendola diventare un'icona pop film dopo film, esce Skyfall.
Il 23° capitolo della saga è il modo migliore di festeggiare il cinquantenario cinematografico del buon Bond poiché si tratta di uno dei film più belli dell'intero ciclo. Daniel Craig si dimostra ancora una volta adatto a questo nuovo corso che circoscrive gli aspetti più glamour, concentrandosi sulla trama. Non si sottrae a questa linea la canzone interpretata da Adele, che porta lo stesso titolo del film. Un brano che torna per l'ennesima volta a percorrere la strada del classico ma che è dotato di un'enfasi e un'epicità riscontrate solamente ai tempi di Shirley Bassey (forse addirittura li supera) e che non fa rimpiangere le sperimentazioni (passatemi il termine) dei tre film precedenti.
Azzeccati e ben incastonati all'interno del pezzo sono i rimandi al tema originale di James Bond, composto da John Barry, che si possono sentire all'inizio (un breve accordo di chitarra intorno al primo minuto) e subito dopo il primo ritornello.
Tutti apprezzano e Skyfall arriva al 2° posto nelle classifiche inglesi e all'8° negli Stati Uniti.
Poche settimane fa è arrivato Spectre: film ufficiale di James Bond numero ventiquattro.
Squadra che vince non si cambia, anche se Craig inizia a cedere sotto il peso degli anni e forse di una certa routine. Spectre, nonostante il buon successo di pubblico, trova pareri contrastanti soprattutto nella critica. Stesso destino per la canzone d'apertura, Writing's On The Wall, cantata dal nuovo fenomeno pop britannico Sam Smith, che nonostante le sue indubbie doti vocali si produce in un pezzo particolarmente imbarazzante. Personalmente la ritengo essere la peggior canzone bondiana di sempre; un esercizio di stile adatto solo ad esaltare le peculiarità canore dell'interprete. Anche la critica non è tenerissima ma ciò non le impedisce di arrivare al primo posto in Uk. Incredibilmente negli Usa non si lasciano ingannare e la relegano al 71° posto.
Siamo quasi giunti al termine di questo lungo viaggio tra le canzoni che hanno accompagnato i film di James Bond. Mentre Spectre è ancora nelle sale, si stano già delinenando il futuro e il destino di 007. Craig ha dichiarato di non volerne più sapere (tornerà a fare il postino a Chester?), quindi molto probabilmente assisteremo all'ennesima metamorfosi dell'agente segreto dai mille volti ma dall'unico e sempiterno fascino.

 La prossima e ultima volta: le canzoni minori.





6 commenti:

  1. Spectre mai sentita manco in radio.
    Skyfall si sentiva pure al cesso.
    Il pompaggio delle canzoni secondo me è direttamente proporzionale alla figaggine del film :)


    Moz-

    RispondiElimina
  2. No, dai non dirmi che Skyfall è brutto!

    RispondiElimina
  3. Skyfall è un bellissimo film, e la canzone non è certo da meno...
    Personalmente trovo Spectre sia migliore, come film... forse anche come canzone, è una canzone raffinata e feroce, che mi piace incredibilmente

    RispondiElimina
  4. @Patalice, Spectre non l'ho ancora visto quindi non posso fare un paragone ma ho già sentito dire di tutto: bellissimo, noioso, insipido e stupendo. Spero di riuscire a vederlo al più presto.
    Wrinting's on the wall però non riesco proprio a digerirla, non so, non mi coinvolge. Anzi la trovo, in alcuni momenti, irritante! :-)

    RispondiElimina
  5. Orrore per me (entrambi i brani) :P Brava tecnicamente Adele, ma empatica zero e lagnosa (avrò mangiato pesante? XD)

    Non mi banni, vero? -_-
    Buon weekend :D

    RispondiElimina
  6. Cara Glò, non potrei mai bannare chi legge i miei post alle quattro di mattina! :)
    E comunque ammetto che Adele è lagnosa, però questo pezzo mi è sempre piaciuto e non so perché. Ma Smith non si può sentire...
    Buon fine settimana anche a te!

    RispondiElimina