martedì 22 dicembre 2015

Autumn PlaylUst 2015

L'inverno è appena iniziato e io vi propongo la playlUst dell'autunno. Mi sembra perfettamente logico.
Dopo l'esperimento dell'estate scorsa, ho pensato di consolidare la rubrica. Sarà a cadenza stagionale e vi proporrà una selezione delle canzoni uscite nel periodo (e non solo) che hanno fatto da colonna sonora alla stesura dei post e ai miei tanti spostamenti in auto.
Come funziona? E' semplice. Se cliccate su play ve la beccate tutta di seguito. Se invece cliccate in alto a sinistra, si aprirà l'elenco di tutti i video inclusi nella playlist e potete scegliere quelli che più vi aggradano.
Sempre che ci sia qualcosa che vi piaccia, naturalmente.

Dal momento che oggi mi gira bene e siamo vicini a Natale, vi anticipo il menù di questa nuova lista lussuriosa.
1) Turbonegro - Hot For Nietzsche.
Sboccati, oltraggiosi e quasi sempre oltre il limite. Il punk rock come dovrebbe sempre essere.
2) David Bowie - Blackstar.
Nulla da dire. Solo venerare.
3) Weezer - Thank God For Girls.
Diciamolo chiaro e forte: i Weezer sono la grande promessa mancata del pop rock. Dopo quella Buddy Holly che comunque li ha consegnati alla storia, tutto quello che è seguito è stato trascurabile. Anche questa canzoncina lo è. Però è divertente.
4) Turin Brakes - Keep Me Around.
Tornano gli alfieri di quello che fu il cosiddetto new acoustic movement. Non sono più acoustic ma sono sempre roba di classe.
5) Motörhead - When The Sky Comes Looking For You.
Lemmy è come la pizza.
6) Chris Cornell - Nearly Forgot My Broken Heart.
Un giorno dedicherò un post al maledetto Chris. Intanto un pezzo bello fresco che non è affatto malaccio.
7) Swallow The Sun - Rooms And Shadows.
In tempi di crisi del mercato discografico questi sparano fuori un triplo disco (!) con tre ore di musica. E che musica! Tantissima roba buona che ingolliamo ora ma che digeriremo a Pasqua. Intanto satollatevi con questo bel video.
8) La Janara - Irpinia.
Dalla provincia di Avellino un gruppo che condisce con classe il folklore campano con il blues e il rock duro. Irpinia è una ballata affascinante.
9) Killing Joke - I Am The Virus.
Ragazzi, questi tizi è da quasi quarant'anni che sfornano dischi devastanti. Apocalittici come se non ci fosse un domani e pensare che di domani ne hanno ormai parecchi alle spalle. Maestri.
10) Kula Shaker - Infinite Sun
Mai ritorno fu più atteso e gradito. Un altro gruppo della troppo lunga lista dei gruppi ignorati e/o sottovalutati che fa il suo felice ritorno. Questa volta, non ignorateli.
11) Gentlemans Pistols - Devil's Advocate On Call.
L'hard rock anni settanta non morirà mai!
12) Fantasima - La Quercia Di Valle Cupa.
Una sorpresa drone-doom da brividi. Davvero bravi e inquietanti. Ps: sono italianissimi.
13) Jean-MichelJarre, John Carpenter - A Question of Blood.
Devo dire altro?
14) Def Leppard - Let's Go.
Oh Oh Oh Oh Oh Oh Oh Oooooh. Banale, pacchiano, barocco. Ma poi perché l'ascolti e la riascolti?
15) Public Image Ltd (PiL) - Bettie Page.
John Lydon è immarcescibile! :-)

Buona visione e soprattutto buon ascolto.


3 commenti:

  1. Ascolterò tutti i brani: c'è anche Cornell *__* Ma noto tanta bella gente assieme a lui ^_^

    RispondiElimina
  2. Ascolterò tutti i brani: c'è anche Cornell *__* Ma noto tanta bella gente assieme a lui ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, hai preso la decisione giusta! Mettere Cornell è stata una decisione molto sofferta ma il pezzo mi piace e quindi ci sta. Maledetto! :-)

      Elimina