mercoledì 8 febbraio 2017

Surviving Sanremo 2017 #1.

Il Nazionalpopolare non è il vostro pane? A Zarrillo preferite Brain Salad? A Ron, Aqualung?
Non disperate. Per trascorrere indenni le serate sanremesi Silverfish Imperetrix vi viene incontro proponendovi degli ascolti pop riparatori.



Judas Priest: Turbo.
L'album che fece perdere definitivamente i capelli a Rob Halford. Se le pessime critiche della stampa accentuarono la stempiatura, il tracollo tricologico fu definitivo quando il povero Rob dovette vedersela con orde di metallari inferociti dalla svolta pop metal: più che un affronto, un vero tradimento. Trent'anni dopo, gli animi si sono raffreddati e come (troppo) sovente succede, il disco è stato rivalutato soprattutto dalla critica.
In occasione del suo trentennale, che cade il 31 marzo, è uscita da poco un'edizione speciale.
Sanremo è una buona occasione per (ri)ascoltare un ottimo disco di pop duro e non convenzionale.
Aaaaammmmm yooooooo toooooorrrrboooooo lovaaaaaaar!
 

Il Genio: Il Genio.
Gianluca De Rubertis e Alessandra Contini forse saranno ricordati esclusivamente per il tormentone Pop Porno, il primo singolo del disco d'esordio de Il Genio uscito nel 2008.
Ed è un peccato. Perché l'intero lavoro (come i due successivi, Vivere Negli Anni X e Una Voce Poco Fa) è uno scrigno contenente perle di pop elettronico sghembo e stralunato.
Orecchiabilità a manetta che va per manina a un'originalità che è merce rara in questi tempi.
Assolutamente da recuperare.
 

Avvertenza: qui non si tratta di essere snob o radical chic. Qui si tratta di sopravvivenza, perché dopo la prima serata soporifera oltre ogni limite, anche il più valoroso e generoso degli ascoltatori
libero da qualsiasi preconcetto ha bisogno d'essere purificato.
Perché quest'anno, se le cose non cambiano, il Festival di Sanremo è davvero roba per gente coraggiosa e soprattutto paziente.



8 commenti:

  1. Snob? Radical chic?
    No, Il Genio è roba HIPSTER :)
    Judas Priest promossi^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Infatti devo ammettere che de "Il Genio" conoscevo solo Pop Porno, dici che mi sono perso molto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sei perso un capolavoro o una pietra miliare ma un disco divertente e meno banale di quanto possa sembrare. Con anche alcuni gustosi riferimenti alla cultura di genere.

      Elimina
  3. Ma che roba! :O Poco tempo fa grazie a un tuo post ho ripescato dalla memori i Testament, ora mi suggerisci i Judas Priest che pure hanno accompagnato la mia adolescenza :O

    L'altro gruppo non l'ho proprio mai considerato:P Curioserò...

    Comunque, Ricky Martin über alles eh! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho paura che il Genio non ti andrà a genio! (English humour, of course). Hanno la "vocina" che tanto adori. :-)
      Ricky lo portiamo sempre nel cuore.

      Elimina